giovedì 22 ottobre 2020 - 5:07:02 sera

La posa della prima pietra del primo tempio indù ad Abu Dhabi - Aggiornamento

  • دائرة تنمية المجتمع تؤكد دورها في تنظيم دور العبادة بإمارة أبوظبي
  • دائرة تنمية المجتمع تؤكد دورها في تنظيم دور العبادة بإمارة أبوظبي
  • دائرة تنمية المجتمع تؤكد دورها في تنظيم دور العبادة بإمارة أبوظبي
  • دائرة تنمية المجتمع تؤكد دورها في تنظيم دور العبادة بإمارة أبوظبي
video imaggini

ABU DHABI, 20 aprile 2019 (WAM) - La pietra miliare del primo tempio indù ad Abu Dhabi è stata posata oggi nell'area Bu Marikha presso l’Autostrada Abu Dhabi- Dubai. Un complesso culturale con una galleria d'arte, sale, biblioteca, palestra e altri servizi, il tempio di 55.000 SQM sarà caratterizzato da un'architettura intricata e delicati intagli che raccontano storie antiche tratte da scritture indiane sulla pace e la spiritualità.

"Con la risoluzione n. 57 del 2018, emessa da Sua Altezza Sheikh Mohamed bin Zayed Al Nahyan, Principe ereditario di Abu Dhabi, Vice Comandante Supremo delle Forze Armate degli Emirati Arabi Uniti, e Presidente del Consiglio Esecutivo di Abu Dhabi, in base alle competenze aggiuntive del Dipartimento di sviluppo della comunità di Abu Dhabi, (DCD), il DCD sta sviluppando il quadro giuridico che regola la creazione di luoghi di culto e società di pubblica utilità, club e istituzioni sportive, e sta supervisionando la loro adesione ai criteri e ai sistemi esistenti in collaborazione con altri dipartimenti interessati", ha detto il dott. Mugheer Khamis Al Khaili, Presidente del DCD, durante la cerimonia di posa della prima pietra per il primo tempio tradizionale indù ad Abu Dhabi sabato.

Alla cerimonia hanno partecipato il dott. Thani bin Ahmed Al Zeyoudi, Ministro dell’Ambiente ed i Cambiamenti Climatici, il dott. Ahmad bin Abdullah Humaid Belhoul Al Falasi, Ministro di Stato per l'Istruzione Superiore e le Abilità Avanzate e Mahant Swami Maharaj, Leader spirituale di BAPS Swaminarayan Sanstha - l'organizzazione religiosa e sociale che costruisce il tempio, insieme a Navdeep Suri, Ambasciatore della Repubblica dell'India negli Emirati Arabi Uniti.

"Regolamentare la creazione di luoghi di culto negli Emirati Arabi Uniti è un passo perspicace del governo degli Emirati Arabi Uniti per garantire la libertà di religione a tutti coloro che vivono negli Emirati Arabi Uniti, soddisfacendo le loro esigenze religiose in linea con le leggi e i regolamenti applicabili negli Emirati Arabi Uniti e con le abitudini e le tradizioni del Paese", ha aggiunto il dott. Al Khaili.

"Gli Emirati Arabi Uniti godono di uno status privilegiato a livello regionale e internazionale grazie ai valori della diversità religiosa, del pluralismo e dell'armonia culturale, che hanno incoraggiato le popolazioni di oltre 200 nazionalità a vivere nel paese in convivenza pacifica", ha detto il dott. Al Khaili, commentando la visita negli EAU da parte del leader spirituale di BAPS Swaminarayan Sanstha.

"La posa della prima pietra del tempio riflette l’atmosfera di tolleranza e pluralismo negli Emirati Arabi", ha aggiunto, sottolineando che lo sviluppo significativo traduce le solide relazioni tra i governi e i popoli degli Emirati Arabi Uniti e dell'India. "Il Padre Fondatore, il defunto Sheikh Zayed,credeva sempre che la convivenza tra i popoli di varie fedi religiose e nazionalità fosse l'unico modo per stabilire la pace internazionale", ha concluso.

Tradotto da: G. Mohammed.

http://wam.ae/en/details/1395302756845

WAM/Italian