domenica 18 aprile 2021 - 9:05:58 sera

La Pandemia incoraggia alternative alimentari più sicure, stimola l'industria della tecnologia alimentare: il principe Khaled di KBW Venture

  • photo5783131893531784182
  • photo5783142252992902098
  • photo5783131893531784183

Di: Binsal AbdulKader ABU DHABI, 20 gennaio 2021 (WAM) - Secondo il principe Khaled bin Alwaleed bin Talal Al Saud, fondatore e CEO di KBW, un'importante società di venture capital nel Golfo, la pandemia di coronavirus ha incoraggiato i governi e le persone a cercare alternative alimentari più sicure, che stimoleranno l'industria alimentare regionale e globale.

In un'intervista esclusiva con l'Agenzia di stampa degli Emirati (WAM), il membro della famiglia reale dell'Arabia Saudita ha anche aggiunto che la crisi finanziaria globale scatenata dalla pandemia non ostacolerà i flussi di investimento nelle tecnologie pulite e nell'energia verde.

La pandemia induce alternative food-tech "Con la proliferazione di malattie zoonotiche e la crescente consapevolezza del pubblico sui benefici che le alternative tecnologiche alimentari possono fornire, la pandemia ha creato un effetto a catena: le persone vogliono saperne di più sui loro sistemi alimentari e vogliono alternative migliori e più sicure", ha detto in un'intervista telefonica martedì da Riyadh.

"Questo è il motivo per cui sono così entusiasta di agire come consulente per la sfida Feed il prossimo Billione di XPRIZE", ha aggiunto il principe Khaled, riferendosi al concorso sponsorizzato da ASPIRE, un ramo del Consiglio di Ricerca di Tecnologia Avanzata di Abu Dhabi, che cerca tecnologia alimentare soluzioni intorno al petto di pollo e al filetto di pesce. Gli organizzatori hanno cercato voci per soluzioni a base vegetale, a celle, stampate in 3D o anche una combinazione di soluzioni.

"Questi sono i tipi esatti di società in cui investiamo; soluzioni basate su piante e cellule intese a fornire al mondo alternative più pulite, più sane e più sostenibili", ha affermato il venture capitalist di 42 anni che sostiene e investe in tecnologia alimentare, comprese proteine alternative e agricoltura cellulare.

Nato in California, ha trascorso la sua giovinezza a Riyadh sotto la guida di suo padre, il filantropo Principe Alwaleed bin Talal Al Saud, presidente e fondatore della Kingdom Holding Company.

È estremamente impegnato con la tecnologia alimentare e l'industria delle scienze alimentari, promuovendo tecnologie emergenti che fungono da potenziali soluzioni ai problemi di sicurezza alimentare e sostenibilità che la comunità globale di oggi deve affrontare.

Tecnologia alimentare in crescita nel Golfo Il principe Khaled trova un futuro radioso per la tecnologia alimentare in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti.

"Sia in Arabia Saudita che negli Emirati Arabi Uniti, i governi stanno guardando più alla biotecnologia [fonti di tecnologia alimentare] e all'agtech [soluzioni agricole come l'agricoltura verticale] per prepararsi e affrontare qualsiasi problema di sicurezza alimentare che possa sorgere", ha detto.

"Entrambi i governi stanno anche esaminando queste alternative basate sulla tecnologia perché sono sostenibili e aiutano a ridurre l'impatto del GCC sulla crisi climatica. La scienza sarà la risposta alla maggior parte dei problemi che abbiamo a che fare ora, quindi è meglio che tutti noi saliamo a bordo".

Il principe Khaled ha investito in più round in quattro start-up separate di agricoltura cellulare, numerose start-up a base vegetale e in altre parti della catena di approvvigionamento alimentare.

Ritiene che sia necessaria una maggiore consapevolezza tra tutti gli investitori e le aziende sulle iniziative tecnologiche emergenti.

"Ci sono risposte ai grandi problemi del mondo, ma gli investitori sono sempre necessari per aiutare a spingere questi scienziati e tecnologi nelle loro missioni", ha sottolineato.

Investimenti in cleantech ed energia verde Alla domanda se la crisi finanziaria globale causata dalla pandemia possa ostacolare i flussi di investimenti nelle tecnologie pulite e nell'energia verde, ha detto: "Non sono d'accordo. Allo stesso modo, si prevedeva che il capitale di rischio avrebbe smesso di muoversi in generale, indipendentemente dal settore. Ciò si è rivelato falso; KBW Ventures ha investito parecchio dall'inizio della pandemia, così come molte altre società di venture capital".

Alcuni dei suoi co-investitori nella tecnologia alimentare hanno fatto investimenti considerevoli anche in molte altre iniziative di impatto, dimostrando che la crisi climatica era al primo posto.

"La decarbonizzazione globale è una questione urgente e gli investitori che stanno sostenendo le società rilevanti per questo stanno aumentando a causa della pandemia, senza rallentamenti", ha detto.

Il principe Khaled è stato relatore in una tavola rotonda martedì alla settimana della sostenibilità di Abu Dhabi (ADSW), un evento globale annuale per accelerare lo sviluppo sostenibile del mondo.

ADSW cerca di rispondere a problemi globali "La mia ultima volta ad ADSW nel 2019, stavamo discutendo dell'impatto degli investimenti e di come la tecnologia può migliorare il mondo. Considero la mia conversazione in questa edizione e nell'edizione precedente intrinsecamente collegata poiché molti dei nostri investimenti sono in tecnologie che cercano di rispondere a questioni globali urgenti, come la sicurezza alimentare", ha spiegato.

"Credo che ADSW svolga un ruolo molto importante sulla scena globale, riunendo ogni anno così tanti punti di vista e azionisti diversi. Abu Dhabi sta davvero assumendo un ruolo di leadership nel modo in cui i governi possono attingere alla scienza e nella tecnologia per migliorare la società e come possono migliorare la vita sulla terra per tutti", ha detto.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302902943

WAM/Italian