mercoledì 19 maggio 2021 - 6:59:36 mattina

Gli atleti degli Emirati Arabi Uniti brillano con 34 medaglie nel primo giorno del 12esimo campionato mondiale di Jiu-Jitsu professionistico di Abu Dhabi


ABU DHABI, 6 aprile 2021 (WAM) - Il 12esimo campionato mondiale di Jiu-Jitsu professionale di Abu Dhabi (ADWPJJC) ha preso il via con i migliori atleti di jiu-jitsu U18 al mondo in competizione per la gloria alla Jiu-Jitsu Arena di Abu Dhabi, in presenza di una serie di VIP tra cui l'Ingegnere Hussain Ibrahim Al Hammadi, Ministro dell'Istruzione degli Emirati Arabi Uniti.

Il giorno di apertura dell'evento più grande e prestigioso del calendario mondiale di jiu-jitsu, che si tiene sotto il patrocinio di Sua Altezza lo sceicco Mohamed bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi e vice comandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, ha visto gli eroi domestici degli Emirati Arabi Uniti rappresentare il loro paese con abilità e determinazione; I migliori giovani talenti del paese hanno ottenuto 34 medaglie: 12 d'oro, 12 d'argento e 10 di bronzo.

La 12esima edizione dell'ADWPJJC si svolgerà fino al 9 aprile presso la Jiu-Jitsu Arena, riunendo centinaia dei migliori atleti dello sport per competere in un ambiente sicuro con rigorosi protocolli di salute e sicurezza in atto. Sono stati implementati test PCR regolari, distanziamento sociale e maschera obbligatoria, ad eccezione degli atleti durante un incontro sui materassini, per garantire la salute e il benessere di tutti i partecipanti.

"Il ritorno di ADWPJJC per la sua 12a edizione è una vera storia di successo, che porta gioia alla comunità di jiu-jitsu in tutto il mondo", ha affermato Abdul Moneim Al Hashemi, presidente degli Emirati Arabi Uniti e delle federazioni asiatiche di Jiu-Jitsu e vicepresidente senior della Federazione internazionale di Jiu-Jitsu.

"Il lancio del campionato oggi è in linea con l'iniziativa" Anno del 50 "degli Emirati Arabi Uniti, che riconosce i risultati raggiunti dal nostro giovane paese nei suoi primi 50 anni. Gli Emirati Arabi Uniti non vedono l'ora di scrivere nuovi capitoli di successo in vari campi, incluso lo sport del jiu-jitsu.

"Il campionato coincide anche con la Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo e la pace, una delle iniziative delle Nazioni Unite. Sebbene lo sport del Jiu-jitsu abbia i suoi valori, differenziandosi dagli altri sport, svolge un ruolo enorme nel rafforzare i legami sociali, la solidarietà e il rispetto. Il campionato è un perfetto esempio di tolleranza nel riunire giocatori di diversa estrazione, in tutto il mondo, per competere ", ha aggiunto Al Hashemi.

Commentando il numero di atleti internazionali presenti, Mohammed Salem Al Dhaheri, Vice Presidente della Federazione UAE Jiu-Jitsu, ha dichiarato: "La forte partecipazione di giocatori internazionali all'ADWPJJC dimostra la fiducia del mondo negli Emirati Arabi Uniti nell'ospitare eventi internazionali, in un ambiente sano e sicuro ".

"La decisione del comitato organizzatore dell'ADWPJJC di fornire vaccini COVID-19 a tutti gli attori internazionali partecipanti riflette il ruolo umanitario degli Emirati Arabi Uniti e la sua volontà di inviare un messaggio di speranza, amore e tolleranza a tutti i paesi del mondo". Al Dhaheri ha aggiunto.

Il secondo giorno, mercoledì, vedrà i Maestri scendere al tappeto, con circa 500 atleti di cintura nera, marrone, viola e blu di età superiore ai 30 anni, pronti a competere in centinaia di combattimenti in varie classi di peso.

Tradotto da: Mina Samir Fokeh.

http://wam.ae/en/details/1395302924928

WAM/Italian