mercoledì 19 maggio 2021 - 6:29:18 mattina

L'inviato statunitense per il clima loda l'impegno degli Emirati Arabi Uniti nell'azione per il clima


ABU DHABI, 9 aprile 2021 (WAM) - L'inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry ha lodato l'impegno dimostrato dagli Emirati Arabi Uniti di adottare l'uso su larga scala delle risorse energetiche rinnovabili, affermando che la leadership degli Emirati Arabi Uniti ha compreso l'importanza delle fonti energetiche alternative, "molto prima che diventasse un tema caldo".

Kerry ha fatto le osservazioni durante una tavola rotonda virtuale dal titolo "Un anno critico per l'azione per il clima", nell'ambito degli incontri di primavera della Banca mondiale. Il consiglio, che includeva Kristalina Ivanova Georgieva, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, è stato moderato da Becky Anderson della CNN.

Kerry ha sottolineato che gli Emirati Arabi Uniti hanno dimostrato un fermo impegno per contribuire a rendere la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) a Glasgow dall'1 al 12 novembre 2021 un successo.

"Quello che mi ha colpito è stato l'impegno degli Emirati Arabi Uniti per contribuire a rendere Glasgow un successo. Hanno sollecitato ulteriori riduzioni delle emissioni e hanno accettato la responsabilità di aiutare con la transizione. Sì, continueranno per un periodo di tempo, in particolare con il gas, ma capiscono che questo è un cambiamento che sta arrivando e hanno bisogno di diversificare la loro economia", ha detto.

Alla domanda sui messaggi chiave che ha portato via dal dialogo regionale sul clima ad Abu Dhabi la scorsa settimana e sulla decisione che era stata presa con il governo degli Emirati Arabi Uniti, Kerry ha dichiarato: "La leadership degli Emirati Arabi Uniti è stata singolarmente consapevole della necessità di quel cambiamento e per diversi anni, e molto prima che questo diventasse l'argomento caldo in questo momento, sono già stati impegnati in una parte di quella diversificazione e investimento in energie rinnovabili alternative e ora molto di più ".

Ha detto che il dialogo regionale sul clima a cui ha partecipato ad Abu Dhabi, ha mostrato un consenso tra i paesi sul fatto che sono colpiti dal clima.

"Dobbiamo capire che questo decennio è un decennio critico di decisioni e ciò che è emerso dai colloqui ad Abu Dhabi è stata l'unità di questi paesi nel parlare del modo in cui il loro paese è oggi influenzato dal clima".

Ha inoltre sottolineato le prospettive future dell'idrogeno come combustibile alternativo per l'energia pulita.

"La mia sensazione è che molte persone stiano cominciando a guardare in alto all'idrogeno perché è abbondante e se riesci a produrlo con una minore intensità energetica, questo potrebbe essere un importante campo del futuro. C'è una gara adesso ed è una gara benvenuta. Abbiamo bisogno di una corsa verso il 2030", ha concluso.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

https://www.wam.ae/en/details/1395302925873

WAM/Italian