Novak Djokovic elogia la "mentalità da campione" di Dubai

Novak Djokovic elogia la

DUBAI, 23 marzo 2023 (WAM) - Il tennista numero uno al mondo, Novak Djokovic, ha descritto Dubai come la sua "seconda casa" e ha salutato la sua mentalità vincente all'assemblea generale annuale del Dubai Future District Fund (DFDF)man.

Il tennista serbo ha elogiato "l'incredibile e rapida crescita" dell'emirato in una conversazione con Becky Anderson, caporedattore della CNN Abu Dhabi & Anchorman, durante l'evento al Museo del Futuro. Il 22 volte vincitore del Grande Slam ha elogiato Dubai e la "cultura dell'innovazione" degli Emirati Arabi Uniti, che ha avuto un grande impatto positivo in tutto il mondo.

"Voglio avere Dubai come base per la mia attività e innovazione", ha detto il 35enne in una chiacchierata intitolata "Belief to Champion". “Adoro la mentalità da campione qui a Dubai. Adoro il fatto che le persone qui vogliano essere le migliori al mondo. E sono sicuro che con questo tipo di mentalità e approccio diventeranno i leader”.

In un'ampia discussione, Djokovic ha parlato delle "prove e tribolazioni" che ha affrontato da bambino crescendo nella Serbia colpita dal conflitto e di come quelle esperienze lo abbiano aiutato a diventare uno dei più grandi tennisti maschili di sempre.

"Ero un ragazzino che ha osato sognare in grande e credere che quei sogni si sarebbero avverati", ha aggiunto. “Ovviamente provenendo da un paese devastato dalla guerra negli anni '90, non è stato facile e c'erano molte avversità nella società e sfide che la mia famiglia ha dovuto affrontare per sostenere e finanziare la carriera di un tennista.

“Ha avuto una grande influenza sul mio carattere. Attendere in fila per diverse ore dalle 6 del mattino per avere un pezzo di pane che vorremmo condividere tutti. È stato difficile, ma allo stesso tempo mi guardo indietro e rifletto su quella fase molto importante della mia vita”.

La tecnologia che avvantaggia gli svantaggiati

Anche Jessica Smith, una nuotatrice paralimpica australiana che possiede uno dei bracci bionici più avanzati al mondo, ha portato la propria esperienza all'incontro. Dotata di un arto protesico a 18 mesi e poi vittima di ustioni di terzo grado al 15% del suo corpo da bambina, Smith ha affermato di aver compreso le avversità quando i professionisti medici le avevano lasciato poche speranze in termini di qualità di vita. Ma questo non l'ha scoraggiata. “Volevo dimostrare al mondo che avrei fatto tutto ciò che volevo fare senza alcun aiuto”, ha detto, aggiungendo: “Non stiamo più guardando la disabilità attraverso una lente medica, ma sociale. Ci rendiamo conto che le persone sono più disabili per il loro ambiente sociale che per le loro stesse disabilità”.

Con la comunità globale dei disabili che vanta un potere di spesa di 13 trilioni di dollari all'anno, Smith ha anche invitato le aziende ad accelerare l'innovazione incentrata sulla disabilità e ha elogiato il lavoro degli Emirati Arabi Uniti in questo campo. "Sono molto grato ai leader degli Emirati Arabi Uniti che stanno lavorando duramente per creare percorsi più inclusivi per le persone determinate".